Al Guadagnoli: “Sirbons, la mia nuova famiglia”

0
313

Al termine della regular season abbiamo voluto scambiare due chiacchiere con il coach Al Guadagnoli. Ecco le sue impressioni.

Con la trasferta di Cecina si è conclusa la stagione dei Sirbons. Coach diamo un voto ai ragazzi.

«Il coaching staff dei Sirbons era preparato per il game plan dei Trappers. Le condizioni meteo però erano fuori dal nostro controllo e non eravamo preparati a questo. I Sirbons sono una squadra che corre veloce e le condizioni del campo sono state una sfida. I nostri giocatori non son stati in grado di adattarsi alle condizioni in cui abbiamo giocato».

Quale è invece il tuo bilancio personale e cosa ti lascia l’esperienza nella famiglia Sirbons?

«Ora io sono un Sirbons e faccio parte di questa nuova famiglia, questa è stata una fantastica e grande esperienza per me e mia moglie. Il caloroso benvenuto che ci ha accolto e l’apertura a nuove idee mi hanno aiutato per allenare un grande gruppo di uomini con interessi e talenti diversi. Quest’anno è servito piuttosto ad introdurre i Sirbons allo stile del Football Americano a guadagnare rispetto e fiducia reciproci. Adesso guardiamo alla stagione 2020 e alla preparazione della pre-season. Essere parte di un team di football in Italia è stata per me una benedizione e una grande opportunità che ho cercato di affrontare con umiltà».

Come giudichi il livello del football in Italia?

«Mi ricorda la NFL quando è iniziata. I giocatori vanno al lavoro oppure a scuola e, dopo le loro attività quotidiane, si sacrificano per andare ad allenarsi la sera tardi e rinunciare al loro tempo libero nei fine settimana per giocare a football. Bisogna amare tanto questo sport. Negli Stati Uniti il football ha la precedenza, ma si tratta del loro lavoro. In Italia purtroppo non si hanno le risorse indispensabili per il football, le attrezzature, la manutenzione sul campo e il sostegno finanziario».

Usciamo per un attimo dal mondo della palla ovale. Come hai vissuto questa esperienza in terra sarda?

«Non ho guidato un’auto per quattro mesi e ho approfittato del sistema di trasporto, l’autobus della città. Grazie alla mia famiglia Sirbons, che è andata ben al di là, ci hanno invitato nelle loro case per i pasti tradizionali, ci ha portato in splendide comunità montane, spiagge, viaggiato sulla terraferma e altro ancora. Vivere in un appartamento vicino a tutti i servizi e le comodità ha fatto sì che io me e mia moglie ci inserissimo nella comunità di Assemini. Abbiamo amici conosciuti in chiesa, commercianti, vicini e caffè che non sarebbero accaduti se fossimo stati in vacanza per due settimane. Le relazioni che abbiamo fatto sono una vita e le esperienze sono i tesori della vita. L’anno prossimo, speriamo che il resto della mia famiglia venga a conoscere questa meravigliosa isola e incontrare i nostri meravigliosi amici, che chiamiamo la nostra famiglia italiana».

Sirbons sempre in prima fila nei progetti che riguardano i più giovani. Non solo, sportività e rispetto dell’avversario sono valori che mai mancano nella grande famiglia Sirbons…

«Assolutamente, e vedi questo se i Sirbons vincono o perdono. In tutta la mia storia di allenatore di football, non ho mai visto l’ospitalità dell’apprezzamento della squadra di casa nei confronti dell’avversario con l’offerta di pasti completi dopo tutte le partite. Il senso di comunità all’interno delle squadre di football, le loro famiglie e i loro amici sono una benedizione e un esempio per gli altri di ciò che è amare e vivere in pace insieme. È importante promuovere il gioco del  football il lavoro ai livelli delle scuole elementari e medie locali, fornendo un programma “feeder” per eventuali scuole superiori e sicuramente per la FIDAF (Federazione Italiana Di American Football). Altrimenti, se non ci sono abbastanza giocatori disponibili per le squadre all’interno della FIDAF, i giocatori arriveranno da altri paesi con gli USA inclusi. Con il lavoro svolto nell’ultimo mese, abbiamo avuto la prova che gli studenti vogliono imparare il gioco e giocare. Il football è unico, insegna capacità di vita per i futuri leader nella comunità e per il paese».

Quali obiettivi dovranno essere fissati dai Sirbons per la prossima stagione?

«Attuare un piano per il reclutamento di più giocatori. Con la maggior parte del lavoro, andando a scuola, problemi familiari e altro, i giocatori della squadra non sono in grado di partecipare a tutti gli allenamenti con ila conseguenza per la squadra di soffrire nel giorno della partita.

Pianificazione degli allenamenti e aumento del numero di giorni di pratica. È importante che la squadra si presenti al campo; quindi, lo sviluppo di giorni e orari in grado di ospitare la maggioranza degli atleti. L’attuale campo di calcio dovrebbe essere completamente rinnovato per la stagione 2020. I Sirbons saranno in grado di programmare le loro pratiche e giochi senza le attuali limitazioni.

Lo staff tecnico deve mettere in forma i giocatori della squadra in modo che siano “più grandi, più veloci e più forti” e preparati mentalmente per il gioco.

Migliorare la conoscenza del gioco del football i miei mezzi per attuare le esercitazioni, le abilità e le tecniche con la ripetizione.

Ottenere sponsor e supporto della comunità.

Consapevolezza all’interno di Assemini e delle altre comunità periferiche che il football americano è qui e che sono i Sirbons.

Aumentare la partecipazione alle partite e ottenere il supporto delle persone della zona».

Tra un mese avranno termine gli allenamenti. Cosa aspetta coach Al nel prossimo futuro?

«Per quanto riguarda il futuro, l’allenatore Al e lo staff tecnico non esistono senza i giocatori che lavorano duro e mettono fuori ogni pratica e gioco. I Sirbons continueranno la loro formazione durante la bassa stagione. Se riusciremo a raggiungere gli obiettivi prefissati, il 2020 sarà più incentrato sul perfezionamento di ciò che è stato implementato quest’anno. La squadra di football americano dei Sirbons sarà “più grande, più veloce e più forte” e gli avversari ci troveranno una sfida da superare».

Marco Castoni
Ufficio Stampa Sirbons Cagliari

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO