Bills, Sharks e Briganti a gonfie vele. Per Delfini e Mastiffs la prima “W”

0
606

Nella domenica della sesta giornata di Campionato, nessuna sorpresa eclatante ma numerose partite che non hanno di certo risparmiato emozioni. Primo successo stagionale sia per i Delfini, che a Taranto battono i conterranei Bucks col punteggio di 20 a 12, che per i Mastiffs Ivrea che si impongono tra le mura amiche al colpetto dei Blitz San Carlo (16 a 6). Agevoli vittorie casalinghe per i Jokers Fano (33 a 7 sui Berserk), per gli inarrestabili Sharks Palermo (69 a 6 sugli Achei), per gli Highlanders Catanzaro (39 a 7 sui Sauk Wolves) e per i Bills Cavallermaggiore, che rifilano un netto e schiacciante 67 a 28 ai rivali Preds. Stentano un po’ i Grifoni Perugia ma, al termine di un match combattuto, riescono ad avere la meglio sugli arcigni Minatori Cave (29 a 13). Preziose vittorie esterne per i Redskins Verona (6 a 20 sul terreno di gioco degli Hurricanes Vicenza) e per i Briganti Napoli che grazie al successo in casa degli Eagles (6 a 28) volano a punteggio pieno in testa al girone B. Non si è disputata, per problemi logistici, la partita fra Steelers e Crabs. La formalità ci impone chiaramente di attendere l’inappuntabile sentenza della nostra Federazione, ma è chiaro che i padroni di casa gialloneri andranno incontro ad una sconfitta a tavolino col punteggio di 0 a 8, che non pregiudica certo il loro cammino verso i playoff, ma che lascia senza dubbio tanta amarezza in bocca per la società e per i suoi tifosi.

I Commenti del dopo gara:

Vincenzo Leone [Eagles]: “Una sconfitta che fa male. Abbiamo fatto passi indietro rispetto alle altre partite. Ora dobbiamo lavorare ancor più duramente per affrontare Taranto. Partita fondamentale”.

Fabio Sacconi [Grifoni]: “Match equilibrato al di là del risultato, i Minatori Cave confermano il buon avvio di campionato anche a Perugia. Partita che si è decisa nella ripresa, a conferma della buona condizione atletica e di una maturità di squadra che inizia ad emergere. Capacità di adattamento sia tecniche che tattiche e determinazione del gruppo hanno consentito una vittoria in rimonta contro un team preparato e ostico”.

Giuseppe Gili [Bills]: “Troppi errori, sia in attacco che in difesa…è mancata un po’ di disciplina e ordine e in alcuni momenti della partita. Ci sono stati dei cali di concentrazione e abbiamo concesso troppo ai Predatori. ci tengo a sottolineare un altro TD della difesa. Questa partita doveva stabilire il primato del girone…bene, ora tutti sanno chi è in testa!”

bills

Ivan Torrente [Bills]: “Una bella partita, ottima offense! Una grande intensità per tutti i quattro quarti, con un risultato che forse penalizza particolarmente i Predatori. Ci aspettavamo qualcosa di più, ma abbiamo preparato bene questa partita. Ci sono stati comunque ancora tanti errori sia in attacco che in difesa, dobbiamo lavorarci e lo faremo”.

Stefano Caligiana [Grifoni]: “Partita durissima, I Minatori sono in continuo miglioramento, ci hanno messo in grossa difficoltà nel primo tempo; con il loro buon power football e con la loro difesa aggressiva; noi bravissimi a tornare alla grande nel secondo tempo, grazie a degli aggiustamenti difensivi e a nuovi schemi offensivi; grande prova di maturità della squadra, che mi sento di elogiare in blocco, in attacco guidata dal condottiero e Qb Freddini e in difesa dall’highlander Valigi, una menzione per il fantastico ritorno di intercetto di Daniele Bietta N° 32 , uno spettacolo! Onore ai Minatori e testa a Pescara, che sarà un osso duro come all’andata; il nostro Girone diventa complicato ma interessante! GO GRIFONI GO!”

sharks2

Alessandro Fonti [Sharks]: “Una vittoria dedicata al nostro Ale Benzo che ci guarda da lassù. A dispetto del risultato, è stata una partita che gli Achei hanno onorato fino alla fine, ma che abbiamo gestito efficacemente. La cosa che mi fa storcere il naso è stata la quantità spropositata di penalità che abbiamo regalato, che in fin dei conti ci sono costate sei punti. Eppure non è stata una partita cattiva, tutt’altro, tanti falli tecnici che hanno spezzettato il match è ci sono costati altri due TD annullati. Tutto insegna, faremo tesoro di ogni cosa”.

Riccardo Gaspari [Hurricanes]: “È stata una sconfitta amara, ci eravamo molto preparati ma purtroppo il passing game non ha ingranato. Siamo però soddisfatti della difesa e del running game. L’obiettivo ora è riprendersi la testa del girone, la sconfitta di oggi ci deve spingere a dare ancora di più”.

delfini

Emanuele Zaccone [Highlanders Catanzaro]: Una bella partita, personalmente mi sono divertito molto, nonostante le molte assenze (e gli adattamenti conseguenti messi in opera dai coach) è stato un piacere vedere che i miei compagni, soprattutto i rookies, hanno risposto bene sul campo. La partita è stata combattuta e leale, faccio i complimenti e i migliori auguri ai ragazzi di Cosenza, una squadra che sta crescendo in fretta e con lo spirito giusto.

Antonio Di Filippo [Crabs]: “Ieri non si è disputato il match contro Terni per mancanza dell’ambulanza. C’è stata massima collaborazione fra i team per trovare una soluzione al problema e decretata la fine si era tutti amareggiati per non aver disputato la partita. Al di là dei risultati sportivi (che hanno il loro peso) quel che conta davvero è giocare e far divertire il pubblico e i ragazzi in campo”.

steelers

Andrea De Piccoli [Steelers]: “É stato un problema nostro, purtroppo (non sappiamo il motivo) non si è presentata l’ambulanza. Ora l’importante è riorganizzare meglio le prossime partite per non inciampare più su queste cose. La cosa non può che ricadere su di noi, anche se avevano prenotato il servizio, rimane un nostro problema il fatto che non si sono presentati al campo. Gli avversari sono stati più che onesti. Ci rivedremo presto, questo è sicuro”.

Lorenzo Ricco [Eagles]: “Se qualcosa si è mossa in attacco, in difesa c’è stato un calo. Quanto fatto nel corso della pausa non è bastato. Non siamo riusciti a dimostrare quanto potenziale abbiamo. Dobbiamo lavorare sforzandoci di vincere lo ‘spareggio’ con i Delfini”.

minatori

Gianluca Mariotto [Hurricanes]: “Non abbiamo mai avuto la giusta cattiveria che ci ha distinto nelle due precedenti partite. Questa sconfitta deve essere il giusto stimolo per affrontare i prossimi impegni”.

Alessandro Albanese [Sharks]: “Era importante per noi dare il massimo in onore di Alessandro Quartararo Benzo, che il massimo lo ha dato sempre sopratutto in questo sport. Il football palermitano e italiano deve molto a lui. Abbiamo giocato una partita solida in tutti i reparti e siamo andati a segno con 9 giocatori differenti. Per noi è importante che tutti quanti facciano esperienza e che si sentano importanti. Siamo una squadra completa e molto duttile e per mantenere questo, dobbiamo fare in modo che chiunque sia in campo, sappia perfettamente cosa fare. Per questo ancora c’è da lavorare duramente”.

highlanders

Antonio Mosca [Highlanders]: “Sapevamo che quella con Cosenza era una partita alla nostra portata, ma non da sottovalutare. Il match si è messo quasi da subito sui binari giusti per merito dei ragazzi che avevano voglia di riscatto dopo la prestazione con Palermo; così azione dopo azione nessuno si è risparmiato, dando il 100% per raggiungere la vittoria. Siamo coscienti delle numerose assenze che ci penalizzano, ma siamo altrettanto coscienti della possibilità di lavorare e far crescere questo gruppo. Ora subito testa alla prossima partita cercando di correggere le nostre lacune e prendendo quello che di buono abbiamo costruito fino ad ora”.

Francesco Pizzuti [Achei]: “Siamo giunti a questa importante gara con il reparto running-back azzerato da assenze e impegni..e la decisione obbligata di ricorrere al passing game ha portato al punteggio purtroppo molto negativo. Complimenti agli Sharks che hanno dimostrato una importante maturità tecnica e di organico che li candida ad un ruolo da favorita per la finale nazionale. Per quanto ci riguarda non ci resta che concentrarci sui prossimi impegni”.

Daniele De Bartolomeo [Delfini]: “Per noi è stata una giornata fantastica, abbiamo vinto la nostra prima partita di campionato e abbiamo esordito in casa davanti al nostro caloroso pubblico. La gara all’inizio si era messa male per noi, ma siamo riusciti ad avere la meglio grazie a schemi eseguiti in maniera perfetta e ai pochi falli commessi dal terzo quarto in poi. Adesso dobbiamo concentrarci per la prossima partita contro gli Eagles Salerno tra tre settimane, sarà una gara fondamentale per tutte e due le squadre per il terzo posto del girone”.

Graziano Battista [Delfini]: “Partita combattuta dal risultato mai scontato; la nostra squadra ha dato prova di carattere andando a segno tre volte dopo la prima meta subita! Si sono viste cose interessanti e belle giocate da parte di tutto il team, peccato per le due amnesie che hanno permesso ai Bucks di andare in meta, dovute all’inesperienza di un roster giovane, con ragazzi anche di appena sedici anni. Vittoria dedicata a Piero Nitti, dirigente dei Delfini e padre del nostro compagno Maurizio, mancato meno di un anno fa…Ora prossimo obbiettivo Eagles Salerno, ci faremo trovare pronti!”

|_

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO