Va ai Briganti il primo derby napoletano del millennio

1
147

Vittoria blu-oro contro gli 82ers con un convincente 31-6, nonostante qualche imprecisione sia da parte dell’attacco che della difesa

Era una partita molto sentita, forse troppo sentita. Ma era pur sempre il primo derby napoletano del terzo millennio, dunque è assolutamente normale che sia stato così. E la dea Vittoria ha arriso ai Briganti che, dopo un primo tempo un po’ altalenante, sono riusciti a portare a casa la contesa con il convincente punteggio di 31-6, debuttando con una vittoria nel Campionato Italiano di Football a 9 2019. Ciò nonostante una prestazione non priva di pecche per la formazione dell’head coach Stefano Chitos, che hanno subito un touchdown e hanno dimostrato un po’ troppa incostanza in attacco prima di riuscire con successo a chiudere la partita.

_MG_1176

Inizia la partita e dopo poco si diffonde una strana sensazione di déjà vu che rimanda all’esordio dell’anno scorso contro l’A-Team Abruzzo: lancio del quarterback Ausiello, ricezione del wide receiver De Martino, touchdown Briganti. E la sensazione si fa più forte poco dopo, quando la safety e punt returner Vettorel trova il corridoio giusto su una situazione di punt avversario e si invola verso la end zone, mandando a segno i Briganti per la seconda volta. Forti di una trasformazione da due punti del running back Clemente e di un punto addizionale, i Briganti si portano sul 15-0. Ma gli ’82ers non demordono e, grazie a un buon drive offensivo e a qualche fallo di troppo dei Briganti che spinge gli avversari in piena red zone, la formazione ospite riesce a segnare e a portare il punteggio sul 15-6 prima del termine del primo tempo.

_MG_1226

Nella seconda frazione di gioco i Briganti rientrano in campo un po’ più convinti dei propri mezzi. Sia in difesa, dove i nove del defensive coordinator Vitale Petrella sono determinati a non concedere altro spazio agli avversari, spengono le velleità offensive degli avversari con un intercetto del defensive back Bauduin e riescono anche a mettere a segno una safety, sia in attacco, dove i drive assumono un po’ più di consistenza. Ed è ancora Ausiello a condurre bene il suo team, facendo tutto da solo e segnando prima su corsa e poi andando nuovamente a segno con la trasformazione da due punti. L’offensive coordinator Amedeo Carpentieri decide di cambiare un po’ gli uomini in campo ma la musica non cambia ed è un altro TD Pass, stavolta di Manda, a mandare in touchdown il tight end Conti e a mettere un sigillo sul punteggio finale di 31-6.

_MG_1234

Anche il giudizio finale è un déjà vu dell’anno scorso: buona vittoria che permette ai Briganti di cominciare bene la stagione, punteggio convincente che fa ben sperare, ma performance in generale da rivedere, con alcune imprecisioni da correggere in entrambe le fasi di gioco. Ma i partenopei non avranno molto tempo per farlo: domenica si torna di nuovo in campo per affrontare i Grifoni Perugia, che tre anni fa fermarono i Briganti ai quarti di playoff e che anche stavolta faranno del loro meglio per rovinare loro la festa. Starà agli uomini di coach Chitos dimostrare di non essere la stessa squadra di tre anni fa, di aver imparato dai propri errori e di essere determinati a crescere sempre di più.

Lorenzo Pierleoni
Ufficio Stampa Briganti Napoli

Foto Giovanni Vitale

1 commento

LASCIA UN COMMENTO