Venezia Football: Nella sconfitta, la strada è quella giusta

0
279

Buona prova dei veneziani sconfitti 20-13 dai campioni CIF9, in una gara di equilibrio tattico e fisico. Coach Camilli:” Partita che ci aiuterà a migliorare. Ora pensiamo ai Muli”.

Venezia, 05 aprile 2022 – Torna a casa con la seconda sconfitta stagionale il VENEZIA AFT capace però di mettere paura agli attuali campioni CIF9 in carica: al “Leoni Stadium” di Basiliano, la spuntano i padroni di casa per 20 a 13, dopo un match giocato sul piano fisico e che ha messo in luce le capacità tattiche di entrambi i team. Ma Il punteggio, a fine gara, per VENEZIA significa anche l’aver gettato le basi per un nuovo percorso, visti i molti rookies in campo capaci di tenere testa ad un team molto ben organizzato. Sugli scudi la difesa veneziana, che ha saputo tenere colpo su colpo l’attacco di casa, pur concedendo qualche big play aereo. Molti i placcaggi con perdita di terreno da parte della line up difensiva che con il cornerback Portesan ha messo a segno anche un intercetto riportato in endzone. L’ attacco, non ancora a pieno rodaggio, con alcune sbavature nell’ esecuzione dei giochi e negli errori di ricezione, è riuscito a sviluppare parzialmente il proprio gioco, trovando il touchdown con una bella ricezione di Duse su lancio di Annibale ed arrivando con più costanza nella redzone avversaria.

Ora l’attenzione si sposta sulla gara del 24 aprile a Favaro contro i Muli Trieste, usciti sconfitti dai Cavaliers e quindi con un record di 0-2 come i veneziani. Una sfida quindi, quella con i triestini, che già si preannuncia cruciale per la qualificazione alla post season.

 

La cronaca. Il calcio del veneziano Favaro da’ il via al match. Subito difesa blunavy sugli scudi, mandando ad un quarto down e successivo punt, l’attacco di casa, che vede in cabina di regia Matiussi al posto dell’assente Corrado. VENEZIA prova subito il gioco di lanci, ma dopo tre incompleti è costretta al punt che fa ripartite Basiliano dalle proprie 5 yard. L’ assenza del forte quarterback friulano, non si fa sentire perché’ Matiussi ben gestisce corse e passaggi, e con un bel lancio centrale, trova un ricevitore profondo portando il proprio attacco sulle 40 yard veneziane. Un fallo della D veneziana porta Basiliano sulle 27 yard, ma i ragazzi di coach Camilli fanno buona guardia e con un bel tackle for loss di Berzaghi portano di nuovo i Leoni a un quarto down. Basiliano però è concreta: prima un lancio centrale viene ricevuto da Scarpolini poi è lo stesso QB Matiussi a correre la palla ribaltando lato di gioco ed arrivando sulle 5 yard veneziane. Complice anche un fallo i Leoni si ritrovano a giocare un field goal dalle 15 yard, ma il calcio esce esterno a destra e il punteggio rimane 0-0 alla fine del primo quarto. Venezia non riesce a far girare palla, cosa che invece fa’ meglio Matiussi, andando personalmente a portare palla in endzone. L’ extrapoint vien sbagliato e si va 6-0 per i padroni di casa. Venezia non ci sta e orchestra un pregevole drive di passaggi concluso dall’ ottima presa in endzone del ricevitore lagunare Duse su pass di Annibale dalle 14 yard offensive. Purtroppo, il calcio addizionale viene sbagliato e punteggio che impatta sul 6-6.

Il drive successivo vede la difesa di VENEZIA alzare il ritmo e portare i Leoni a giocare un quarto down e 40 dopo due bei placcaggi di Berzaghi dietro la linea di scrimmage. Ma l’ottimo punt di Scarpolini rispedisce VENEZIA sulle proprie 9 yard difensive. Il Qb Annibale, per sfuggire alla pressione dei difensori rosso-argento, al secondo down lancia un pericoloso intercetto che ridà palla a Basiliano in ottima posizione di campo. Ma ancora una volta la difesa di coach Camilli chiude ogni varco e annulla anche il quarto down di Basiliano restituendo palla all’ attacco sempre nella propria redzone. Purtroppo, anche nel successivo drive Annibale commette un intercetto e Basiliano si ritrova di nuovo la palla nella redzone veneziana. Forse la stanchezza o un po’ di confusione nell’ esecuzione degli schemi costringono i Leoni ad un fieldgoal che però viene sbagliato facendo finire il primo tempo sul risultato di 6-6.

 

Nel terzo quarto Basiliano entra in campo con un piglio diverso e grazie anche ad ottimi punt he fanno ripartire Venezia sempre a ridosso della propria endzone non dandole la possibilità di sviluppare gioco, si portano avanti di due lunghezze grazie ai TD pass di Matiussi per Scarpolini e Dione abili a far loro il pallone nella endzone veneziana. Con entrambi i punti addizionali tra i pali i padroni di casa si portano sul 20-6. Venezia allora cambia la cabina di regia facendo entrare il giovane Ladisa e spostando Annibale in posizione di ricevitore. Alcune buone azioni che però non portano punti sul tabellone. A portarli invece ci pensa il cornerback veneziano Portesan che intercetta e riporta in TD un lancio di Matiussi. Il calcio di Favaro è buono e Venezia che si porta sotto 20-13. Con ancora 5 minuti sul cronometro nel quarto quarto, la partita si riapre con i Leoni che accusano il colpo e non riescono a colpire con i loro giochi. Ma anche Venezia trova qualche difficoltà nello sviluppare il proprio gioco ed è un’altro intercetto del friulano Fagnini a dare la possibilità ai Leoni di chiudere la partita tenendo il possesso palla e allontanando lo spettro della prima sconfitta stagionale.

 

I commenti. “È stata una partita dura ma importante per ritrovarci e per dimostrare a noi stessi e agli altri che non eravamo quelli scesi in campo contro Castelfranco ma che sicuramente siamo una squadra migliore” – commenta a fine partita Coach Camilli – “In tre settimane di allenamento siamo migliorati molto e abbiamo ridotto gli errori. L’obbiettivo era farne di meno rispetto all’ esordio, contro i Muli l’obbiettivo sarà fare meno errori di quelli fatti a Basiliano. Già con una partita in più sulle spalle i senior si sono tolti un po’ di ruggine e i giovani hanno fatto esperienza. Giocare contro squadre molto più esperte di noi sicuramente ci aiuta a migliorare. Ora testa alla prossima.

Dello stesso avviso l’ Head Coach Daniele Annibale: “Avevamo bisogno di vedere di che pasta siamo realmente fatti, è il responso del campo è stato ottimo. Abbiamo giocato una partita con la difesa a mettere in grave difficoltà l’attacco dei campioni d’Italia, con il nostro rookie Berzaghi che ha fatto un’ottima partita. Rimane qualche difficoltà ancora per l’attacco, un po’ in affanno per l’enorme pressione sviluppata dalla

 

difesa avversaria, comunque il lavoro fatto dal coaching staff in questo periodo sta portando i suoi frutti e ora pensiamo ai muli.

 

 

 PH Credit: Tommaso Lunardi

—————————–

Matteo Caroncini

Ufficio Stampa VENEZIA American Football Team

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO