CIF9 / Leave it on the field 2019 / WEEK 10

0
1341

Solo tre giornate di Campionato al termine della regular season. Siamo quasi in dirittura d’arrivo, ma molti, molti verdetti devono ancora essere scritti. I primi a chiudere questa fase preliminare con un percorso netto sono i Chiefs Ravenna, corazzata in grado di viaggiare alla media di quasi cinquanta punti segnati a partita, statistica che ricorda vagamente la stagione 2015..vi ricordate l’epilogo? Meglio non rammentarlo, onde evitare una fastidiosa epidemia di prurito in tutta la riviera romagnola…

Finalmente battono un colpo i Draghi Udine che, nella sofferta gara interna contro i Muli Trieste, riescono a prevalere grazie ad un field goal. Poco, ma più che sufficiente e aggiungiamo..better late than never. Risalire la china in un girone come il loro, dagli equilibri già ben delineati, è davvero un’impresa ardua, ma – come spesso accade in questo sport – mai dire mai

In attesa che i Trappers rivendichino prepotentemente la leadership del girone D, i Raiders ne approfittano e, grazie alla vittoria in casa contro i Sirbons, scavalcano momentaneamente i rivali cecinesi. Il raggruppamento ha già ampiamente configurato i suoi battistrada, adesso tocca ai blue cagliaritani dimostrare di poter legittimamente rientrare in corsa.

Nel Girone H i Redskins continuano a far, più che terra bruciata, tabula rasa (vittoria di forza anche in quel di Pederobba) mettendo la qualificazione saldamente in cassaforte. I Thunders invece – battendo gli Hurricanes a domicilio – mettono un altro importante tassello nel mosaico che forma la graduatoria in cui i trentini occupano stabilmente la seconda posizione. Per difenderla, i gialloblu dovranno solo respingere l’assalto finale dei Mexicans, nell’ultimo impegno di regular season per entrambi i club.

I Chiefs fanno scorpacciata di punti contro Comacchio. Le qualità dei ravennati sono lapalissiane e l’ennesima schiacciante prova di forza dei ragazzi di coach Agnoletti è la dimostrazione che i suoi atleti sono già in forma playoff da parecchie settimane. Onore comunque ai Buccaneers che, nonostante delle palesi condizioni deficitarie, si sono presentati al cospetto dei loro avversari con fierezza e rispetto. L’amore per questa disciplina e la voglia di mettersi in gioco a volte sono costretti a subire dei veri e propri attentati...ma questo non deve e non può spegnere la fiamma dell’infinita passione per questo sport. Lode dunque ai Corsari dell’Adriatico, il Coraggio – quello con la C maiuscola – è anche questo: cadere e rialzarsi. Sempre. Fino alla fine.

Chi di due punti ferisce…di due punti perisce. Al di là dei luoghi comuni, l’appassionante e spumeggiante sfida tra Rams e Wolverines ha suscitato negli spettatori le stesse emozioni della gara d’andata. Match combattuto colpo su colpo e arieti biancoverdi che stavolta riescono a resistere sul finale e contenere le offensive dei ghiottoni piacentini. La “contemporanea” affermazione dei Preds in quel di Novara poteva far crollare il primato dei ragazzi di Crosti, ma i meneghini hanno sfoggiato l’ennesima prova di grande carattere. Leadership meritata. E…a proposito di leadership, i Predatori ci hanno provato e, volendo, ci erano anche riusciti. Ma il successo caparbio degli orange sui Lancieri non è sufficiente ai ragazzi di coach La Rocca per scavalcare Milano. Sugli atleti della riviera grava ancora il peso di quella sconfitta casalinga proprio contro Mancini e compagni e l’unica possibilità che hanno gli orange di ritrovare il primato solitario è sconfiggere i Frogs e sperare in un’impennata d’orgoglio dei novaresi nell’ultimo turno di regular season (vs Rams). Rush finale tutto da seguire.

Ritorna il sorriso in casa Razorbacks che, dopo un digiuno durato due gare, ritrovano la vittoria. Tra l’andata ed il ritorno – contro la formazione gialloblu – va però evidenziato un elemento importante: i quasi quaranta punti di differenza tra i due team sono diventati 8 (appena un possesso). Segnale di una involuzione nel gioco dei ragazzi di patron Greg Ferro? Può darsi, ma non del tutto. Merito anche dei giovanissimi balangeresi. La crescita degli intraprendenti, generosi e sorprendenti Blitz è sotto gli occhi di tutti. Bravo il loro coaching staff, ma bravi soprattutto loro.

La prestazione di domenica dei Briganti è degna delle avventure letterarie di Robert Louis Stevenson. Un primo tempo senza appello, coi partenopei in assoluto controllo ed una seconda frazione di gara da Mr. Hyde, la brutta copia di quanto visto nei primi due quarti, una squadra distratta e che morde il freno, scoprendo il fianco ai mai domi Eagles, abili a rientrare in partita ed acciuffare addirittura il pareggio a pochi minuti dal termine. Per fortuna dei padroni di casa, la reazione in extremis dei soliti noti – in testa Ausiello, Tafuto e De Martino – permette ai ragazzi di coach Chitos di rimettere la testa avanti e vincere il match. Merito dei salernitani averci creduto sino alla fine, ma i blue navy & gold sono una squadra “romantica”…se non soffrono, non ci provano gusto. Occhio però a questa altalena di atteggiamento tra amnesie e maturità, adesso è tutto apparecchiato per l’appuntamento più atteso (per il momento) della stagione: la sfida in casa dei Grifoni Perugia. Cant’ wait…

E adesso, come di consueto, spazio a loro, ai protagonisti. Gli MVP di questo fine settimana. A voi il meglio della WEEK 10:

SPECIAL TEAM

Sergio Vesic, TE/K [DRAGHI Udine]

DEFENSE

Defensive Line

Destiny Giuliani Osawe, DL [REDSKINS Verona]
Francesco Visone, DL [BRIGANTI Napoli]
Michele Di Giusto, DE [DRAGHI Udine]

Linebacker

Paolo Piaggio, LB [RAIDERS West Coast]
Mirko Chiari, LB [WOLVERINES Piacenza]
Andrea Lentini, LB [RAZORBACKS Piemonte]
Alessandro Cabras, LB [SIRBONS Cagliari]
Elia D’Aloi, LB [MEXICANS Pederobba]

Defensive back

Lorenzo Pregnolato, FS [BLITZ Balangero]
Luca Paoletti, DB [PREDATORI GdT]
Lorenzo Ronga, CB [EAGLES Salerno]
Michele Giuliani, CB [THUNDERS Trento]
Filippo Tarroni, DB [CHIEFS Ravenna]
Dario Fallacara, DB [LANCIERI Novara]
Martino Campesato, FS [HURRICANES Vicenza]

OFFENSE

Offensive Line

Salvatore Esposito, OL [BRIGANTI Napoli]
Alfonso Langella, G [EAGLES Salerno]

Quarterback

Giorgio Naretto, QB [BLITZ Balangero]
Giacomo Ravera, QB [PREDATORI GdT]
Simone Centonze, QB [THUNDERS Trento]
Yoel Blanco, QB [MEXICANS Pederobba]

Running back

Leonardo Galbignani, FB [WOLVERINES Piacenza]
Luigi Livia, RB [REDSKINS Verona]
Michele Mazzotti, RB [CHIEFS Ravenna]
Luca Esposito, RB [RAZORBACKS Piemonte]
Luca Merante, RB [LANCIERI Novara]
Andrea Delussu, RB [SIRBONS Cagliari]

Receiver

Gioele Giannoni, WR [RAIDERS West Coast]
Giuseppe Ferraro, WR [HURRICANES Vicenza]

 

That’s all, folks!
Luca Correnti

Nella foto di copertina (di Angelo Ciani)
Giorgio Naretto, quarterback dei Blitz Balangero

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO