La riviera ligure è ancora Orange. Il G-Team alza la cresta.

2
555

Undicesima giornata del Campionato di III Divisione senza grandi sorprese. Tutto secondo pronostico e classifiche che cominciano a delinearsi in maniera sempre più chiara. Sabato a Pederobba i Mexicans tengono duro, giocano una grande partita ed impensieriscono seriamente i rivali Sentinels andando addirittura in vantaggio, ma nella ripresa la maggiore esperienza degli ospiti consente ai gialloverdi isontini di portare a casa la quarta vittoria stagionale (9 a 31). A Pescara, contro i Crabs, anche gli Steelers partono in sordina, ma una volta prese le misure agli abruzzesi, riescono a conquistare agevolmente il successo (6 a 34). Bella vittoria esterna anche per i Berserk che sul terreno di gioco dei Buccaneers colgono la prima affermazione stagionale (13 a 37), vendicando la sconfitta subita nel match di andata e scavalcando i rivali comacchiesi in classifica. Vittoria schiacciante per il G-Team che tra le mura amiche del terreno di gioco di Gallarate si impone sui Tigers con il larghissimo punteggio di 67 a 0. Soffrono solo per un tempo i Knights che subiscono l’incisività dei Jokers e patiscono qualche errore di troppo, prima di dilagare nella seconda frazione di gara e chiudere la partita sul 29 a 0 in proprio favore. Emozioni a non finire nel rivalry-game della riviera che ha visto le due protagoniste, Chiavari e Savona, lottare strenuamente colpo su colpo. Attacchi in serata di grazia e Orange tigullini che sono riusciti a dare uno strattone solo nel finale, trovando il successo nonostante la generosa prestazione dei loro avversari (37 a 28). Ai Pirates, notevolmente migliorati rispetto ad un inizio di stagione piuttosto opaco, rimane la consolazione di aver disputato davvero un grande match. Vincono in casa anche i Rams Milano che, dopo una gara a tratti straordinariamente equilibrata, trovano il modo di allungare e tenere a bada i tentativi di rimonta dei varesini Gorillas (40 a 23). Match duro e a sprazzi dominato da troppo nervosismo quello andato in scena al Manzi-Chiapulin di Barletta. Alla fine la spuntano i padroni di casa Mad Bulls che si impongono per 26 a 6 sui rivali Eagles. Nella prima gara disputata domenica, successo importante dei Redskins che sconfiggendo a Verona i Celtics (13 a 0), li scavalcano nella classifica del Girone I, portandosi momentaneamente al secondo posto. Vittoria anche per i Delfini Taranto che in casa superano i Bucks Brindisi per 22 a 0, bissando l’affermazione dello scorso 3 aprile, stavolta con un distacco maggiore e lasciando gli avversari a secco di punti sul tabellone.

I COMMENTI DEL DOPO GARA:

Simone Tammaro [G-Team]: «La ruota gira per tutti prima o poi. Ottima prestazione da parte del nostro attacco, molti giocatori sono riusciti a segnare. Peccato per qualche errore di troppo in difesa. Ora testa alla prossima partita contro i Gorillas, per cercare di chiudere nel migliore dei modi questa stagione. Onore agli avversari che fino all’infortunio del loro QB hanno cercato in tutti i modi di reagire».

Antonio Di Filippo [Crabs]: «Bella partita sia dell’attacco che della difesa, purtroppo il risultato non rispecchia la prestazione in campo. Abbiamo concesso poco ma gli errori ci sono costati cari. Attacco Crabs che ha macinato parecchie yards e difesa che ha costretto a parecchi punt. Peccato che siamo riusciti a giocare come si deve solo nelle ultime due partite. Meritavamo di più senza dubbio…»

Giorgio Fringuelli [Steelers]: «Onore ai Crabs, corretti e combattivi fino all’ultimo. Noi abbiamo stentato molto in attacco nel primo tempo. Nel secondo tempo ci siamo sciolti e abbiamo preso margine, a mio avviso anche per il calo fisico degli avversari. Positivo l’apporto di molti rookies che hanno dimostrato di essere all’altezza del l’occasione. Ora recupereremo i molti assenti e faremo quadrato per affrontare la post season da Steelers. Fatemi menzionare Pietro Baiocco, capitano e DE, che ha collezionato il suo primo intercetto in carriera con tanto di ritorno in TD».

Giacomo Vannacci [Predatori]: «Solo chi era al campo ieri sera ha potuto capire veramente che partita è stata, bellissima..in campo c’erano due squadre che hanno dato l’anima per vincere, onore ai Pirati che dall’inizio del campionato hanno fatto passi da gigante. Orgoglioso dei miei compagni che non hanno mai mollato e che, nonostante le numerosissime assenze per infortunio, non si scoraggiano e danno sempre tutto. Go Preds!»

Gianluigi Marinaro [Delfini]: «Il primo quarto di partita è stato molto combattuto, ma dopo aver fatto gli opportuni aggiustamenti siamo riusciti a dettare il nostro gioco; grazie anche ad un’ottima prestazione della difesa che non ha concesso nemmeno un punto agli avversari. Ora bisogna concentrarsi sulla prossima partita, e provare a conquistare un posto nei playoff…»

Luca Melanciana [Knights]: «Partita iniziata con qualche incertezza e qualche errore di troppo che ha permesso di consegnare il pallone in più occasioni alla squadra avversaria. Grazie alla solita forte difesa siamo riusciti ad avere più tempo in attacco per segnare e la offense finalmente ha iniziato a girare e ad essere più attenta ed incisiva in ogni azione. Voglio ringraziare i miei compagni che non hanno mollato nonostante le tante assenze (sopratutto in attacco dovute ai tanti infortuni) e i ragazzi che si sono trovati a giocare in un ruolo non loro. Ora testa alla grande sfida con Imola!»

Andrea Melpignano [Delfini]: É stata una partita decisamente combattuta dal punto di vista fisico, ma dominata tatticamente. Le ottime rotazioni in campo, nonostante le assenze, hanno dato la possibilità a tutti gli atleti di dare il massimo fino alla fine della gara. Difficile scegliere un migliore in campo, visto l’impegno e la bravura che ha contraddistinto tutti, in particolar modo gli esordienti. Dal punto di vista personale sono felicissimo di aver realizzato il mio primo TD su ricezione. Da subito concentrati per cercare di battere Salerno e conquistare i playoff.

Giuseppe Marino [Eagles]: «Partita “maschia” in bilico fino alla fine ed è stato un vero peccato perderla perché ci mancava veramente poco per fare il salto di qualità. In compenso abbiamo mostrato grandi passi in avanti soprattutto in linea d’attacco. Ora abbiamo la giusta traccia da seguire per i prossimi impegni».

Marco Tucci [Mad Bulls]: «Una partita molto fisica, ma ce lo aspettavamo. Abbiamo dominato la linea e abbiamo corso molto, bene anche le azioni di passaggio. Dobbiamo migliorare sulla concentrazione, partite nervose come questa vanno gestite meglio dal punto di vista emotivo. In ogni caso, il campo è il giudice supremo, il più forte vince. Go Bulls!»

Riccardo Comaron [Mexicans]: «Fantastici Mexicans. Siamo felicissimi per come è andata questa partita se la confrontiamo con quella di andata. Cresciamo sempre di più e questo lo abbiamo dimostrato in campo dando del filo da torcere ai nostri avversari. Per la prima volta grazie al TD di Sabadotto raggiungiamo gli spogliatoi a metà partita in vantaggio. I Sentinels logicamente non si sono fatti abbattere e con la loro grande esperienza in poco tempo sono riusciti a recuperare allungando le distanze. Peccato per il TD di Bonora segnato dopo una corsa di 50 yard che però viene annullato per un holding. Abbiamo tenuto duro fino alla fine senza mai mollare e nonostante il risultato, possiamo ritenerci orgogliosissimi di quello che abbiamo fatto e di quello che stiamo facendo. Continuiamo così a migliorare sempre di più, carichi al massimo per il prossimo game-day contro una squadra ancora più dura come gli Islanders. Avanti sempre! Non molliamo»

Fabio Bolognesi [Knights]: «Avevamo chiesto alla squadra di portare a casa la vittoria e l’obiettivo è stato raggiunto, nonostante le numerose assenze in linea di attacco, ma la versatilità e l’esperienza di alcuni giocatori (uno su tutti E.Carolo) ci ha permesso di schierare giocatori fuori ruolo…Ottima prestazione della difesa che si dimostra sempre più solida.. Adesso tutte le nostre energie le metteremo per preparare la partita di Imola, importante appuntamento che determinerà il prosieguo del campionato».

Marcello Marella [Mad Bulls]: «Una partita dura, giocatori corretti sul campo. Come avevo pronosticato prima della gara, eseguendo correttamente…si vince. Buona la partita sia dell’attacco che della difesa. Gli Eagles sono cresciuti rispetto al primo match, complimenti anche a loro. Pensiamo alla prossima a Napoli. Go Bulls!»

Eugenio Meini [Pirates]: «Ieri sera si è visto il Football con la effe maiuscola. Due team che han dato vita ad una partita che raramente si vede in Italia, soprattutto in III divisione. In campo molti prospetti interessanti, qualcuno gia nel giro del Blue Team e qualcun altro che potrebbe entrarci. Rimane solo il rammarico della sconfitta, ma grande fiducia per il nostro futuro».

Mark Greco [Eagles]: «Per tre quarti, partita molto equilibrata. Soprattutto un grosso passo in avanti rispetto alla prima di campionato sia in attacco che in difesa. Paghiamo l’inesperienza, poca fortuna ed evidenti cali di concentrazione. Complimenti ai Bulls, ai quali manca solo un po’ di serenità e nervi saldi per fare il salto di qualità»

Silvio Amato [Steelers]: «Inizio partita non dei più brillanti, ma una volta prese le misure sia l’attacco che la difesa hanno saputo esprimere il giusto gioco. C’è ancora molto su cui lavorare, ma il gruppo c’è e la volontà di impegnarsi pure. Ora concentrati alle wild card e ai play-off. Go Steelers».

 

|_

Gallery WEEK 11

2 Commenti

  1. Posso chiedere se Il match Sharks-Sauk Wolves è stato di nuovo rinviato?… a quando?…..non era previsto per l’8 maggio?…un saluto a tutti da Max.

LASCIA UN COMMENTO