Nine Bowl nelle fauci degli Sharks

0
492

Volevano la Perfect Season e l’hanno conquistata, gli Sharks Palermo, che vincono a Cesena contro i Knights Persiceto per 36 a 22 e si aggiudicano Nine Bowl e scudetto.

E’ stata una bellissima partita, ricca di colpi di scena, il degno spettacolo per la finale di uno dei Campionati più combattuti targati FIDAF. Una Partita dai due volti, però, con il dominio degli Sharks nei primi due quarti di gioco e i Knights che parevano incapaci di reagire davanti alla prova di forza dei palermitani, capaci di trafiggere due volte la difesa di Persiceto nel primo quarto di gioco con due lanci perfetti di Alessandro Albanese su Marco Randisi e con la successiva trasformazione da due punti di Alberto Bravatà.

Nel secondo quarto la  musica  non cambia e Albanese pesca un grande Calogero Mondi libero di correre direttamente in endzone. Il calcio di trasformazione non riesce e il punteggio si attesta sul 20 a 0 a favore dei palermitani. I Knights cercano di reagire ma la difesa degli Sharks è attenta e riesce a contenere bene i ripetuti tentativi di corsa degli avversari.  Persiceto insiste, riesce a confezionare un lungo drive offensivo, che si conclude in endzone grazie ad una corsa centrale di Antonino Volpe, che sigla anche la successiva trasformazione da 2 punti. Gli Sharks ripartono dal 20 a 8 ma non riescono a concretizzare e i Knights tornano a macinare yard in attacco, con pregevoli corse ed ottimi lanci completati, ma il tempo corre e si arriva all’intervallo a punteggio invariato.

Fuochi d’artificio alla ripresa, perché i Knights dimostrano di non avere nessuna intenzione di arrendersi e con un big play di Luca Melanciana, magistralmente servito da D. Negretto i cavalieri di Persiceto accorciano le distanze: 20 a 15 e partita riaperta. L’inerzia pare ora nelle mani degli emiliani, che mettono in campo una difesa capace di annullare il successivo drive d’attacco degli Sharks, costretti al punt. Trascorrono pochi minuti e un altro big play dei Knights porta la palla a 4 yard dalla endzone. Antonino Volpe non si fa scappare l’occasione e porta in vantaggio Persiceto, che arrotonda con l’extra point: 20-22. E’ diventata un’altra partita e questa volta sono gli squali palermitani a dover ritrovare concentrazione e il bandolo di una matassa che si è fatta improvvisamente e inaspettatamente intricata.

In cabina di regia si accomoda Lorenzo Abbadessa e la palla si muove egregiamente in avanti, prima con un lungo lancio ottimamente ricevuto da Marco Randisi e poi, ad inizio del quarto quarto di gioco con un’azione personale di corsa che riporta in vantaggio gli Sharks. La conversione da due punti va a segno grazie ad una corsa di G. Todaro e il tabellone si aggiorna sul 28 a 22. Anche il TD del 34 a 22 e i due punti successivi  sono opera di Lorenzo Abbadessa, che è riuscito a cambiare il volto di questa seconda fase della partita.

Un bellissimo intercetto di Giulio Sposito riporta subito in attacco gli Sharks a 4 minuti dal termine, chiudendo di fatto la partita, perché i palermitani terranno la palla fino alla fine, non concedendo più nulla agli avversari.

Gli Sharks Palermo, dunque, vincono in Nine Bowl 2016 per 36 a 22 ma onore ai Knights, artefici di un bellissimo campionato e capaci, anche questa sera, di regalare spettacolo.

MVP dell’incontro Paride Zappalà, safety degli Sharks Palermo.

Ufficio Stampa Fidaf

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO