Achei Crotone: Valanga guerriera

0
504

Fighting Ducks – Mida Achei Crotone 35–64

Una partita che ha stravolto le previsioni di molti addetti ai lavori del Football italico, con una partenza assolutamente pessima per gli Achei che sbagliano molto, con diversi “self-inflicted-mistakes”, regalando palla agli avversari in più di un’occasione, finendo sullo 0 – 21 a pochi minuti dall’intervallo ma con una ripresa assolutamente incredibile, che consegna ai Rosso-blu la vittoria con un punteggio di 35–64. 

DSC_0178

Dopo un inizio favorevole agli Achei, con svariate corse dalle quali conseguono ottimi guadagni, diversi e sanguinosi fumble, permettono all’attacco dei Fighting Ducks di approfittare della situazione e di allungarsi fino al provvisorio 21-0. 

Ripresa in mano la palla, gli Achei si avvicinano nel drive offensivo sempre più alla red zone, per concludere con una spettacolare ricezione a mezz’aria di Pasquale Milano, successivamente trasformata alla mano, spostando il risultato sul 21-8.

DSC_0401

Seguono diversi touchdown da entrambe le parti, per un parziale successivo di 35-32 per i Fighting Ducks che, in termini “footballistici”, è come rientrare negli spogliatoi sullo 0-0 in una partita di calcio.

Il vero “turning point”, decisivo dal punto di vista emotivo e psicologico per entrambe le compagini, si è dimostrato essere il mancato touchdown dei Ducks dopo ben quattro tentativi a meno di 2 yards dalla linea di meta: un’assoluta prova di forza della difesa crotonese che regala emozioni e risana lo spirito dei guerrireri magno greci, i quali, una volta schierata la propria formazione d’attacco, non faranno altro che macinare yards con l’accurato passing game e con la propria formazione pesante per incorniciare negli annali del football crotonese una stupenda vittoria in rimonta per 64 a 35. 

DSC_0433

Gli Achei che, da terzi qualificati del proprio girone battono la capolista del girone C, confermando il peso del proprio girone e rimangono, quindi, il secondo team del “Girone A” a competere per il Nine Bowl, insieme ai Mad Bulls Barletta, vista la sconfitta sul campo dei Predatori dei Vice Campione d’Italia uscenti, gli Elephants Catania.

Francesco Pizzuti HC e offensive coordinator: ”Una partita in cui da sotto per 21 a 0 alla fine del secondo quarto si passa alla vittoria per il 35 a 64 finale significa solo una cosa: abbiamo tanta qualità e carattere e spesso dobbiamo trovarci in difficoltà per esprimere a pieno le nostre potenzialità. Ciò detto, è stato un incontro in cui tutti i nostri settori, da un certo punto in avanti, hanno espresso il meglio. Abbiamo variato il nostro gioco offensivo non concedendo più alcun riferimento agli avversari e la difesa si è settata al meglio e ha bloccato ripetutamente le iniziative dei Ducks, i quali hanno dimostrato ottime individualità ma hanno dovuto cedere sia alla fisicità del nostro power-football e sia al nostro consueto gioco aereo. Ora, concentrati sul prossimo appuntamento, ci attende un’altra difficile prova a cui ci presenteremo con la determinazione di sempre.“ 

DSC_0573 

Brilla la prestazione del running back crotonese, Anthony Brugnano, con più di 200y corse, un fantastico kick-off return concluso in end zone che si aggiunge agli altri tre touchdown segnati, per un totale di quattro, insieme a diversi punti addizionali.

Anthony Brugano #20: “Gli Achei che sono entrati in campo non erano gli stessi delle sfide precedenti. In queste 4 settimane di pausa non abbiamo mollato un secondo affinché ognuno di noi acquisisse consapevolezza delle proprie potenzialità, talvolta messa in discussione dai risultati della regular season. Inoltre ritengo che ancora non siamo stati in grado di mettere in campo il nostro migliore gioco. Abbiamo tanto altro da mostrare nella prossima partita. Contro i rivali Trappers cecina non abbiamo nessuna debolezza, siamo pronti a tutto!”

DSC_0608

Una difesa con diverse assenze importanti, soprattutto nel backfield difensivo, che è stata in grado però di reagire sullo 0 a 21, precludendo agli avversari, in più occasioni, la possibilità di raggiungere la linea di meta, e bloccando diversi quarti down e goal con solo poche yards da dfendere. 

Francesco Caruso, defensive coordinator: “Una partita di play-off da incorniciare non solo per il risultato ma per la forza di rimonta!! eravamo partiti con tutti i presupposti giusti, la preparazione atletica sulla resistenza, la tattica, un mese di power nelle palestre..Tutto è servito…Ma la mossa vincente e determinante è stata il cuore guerriero Acheo.. nessuno poteva accettare di essere “piegato” e i 21 punti segnati dai fighting ducks subito hanno scatenato una furia irresistibile. Seppellita l’ombra di un terzo posto non meritato nel girone, abbiamo fatto vedere chi sono gli Achei… testa alla sfida con i Trappers !!!”

DSC_0682

Non manca di stupire Fofò De Gennaro, con un touchdown segnato e diversi intercetti sul finale di partita che permettono agli Achei di allungare ulteriormente il divario, una volta tornati in possesso dell’ovale.

Fofò De Gennaro #30: “È stata una partita stupenda da ogni punto di vista, loro sono una bella squadra… Ma noi siamo andati lì soltanto per vincere! Alla fine ci siamo riusciti, li abbiamo piegati!”

Ora gli Achei, in un’altra lontanissima trasferta da 1750 km a/r, affronteranno i Trappers di Cecina che hanno acceduto direttamente agli ottavi di Conference, grazie al loro primo posto nel girone D.

Ufficio stampa Mida Achei Crotone

Foto Sabrina Loiacono & Mimmo Gag

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO