Gli Eagles United steccano alla prima. Gli Elephants vincono con merito.

0
532

Esordio amaro dei rosanero Eagles United Palermo nel derby contro gli Elephants Catania. 16 a 6 per gli etnei che capitalizzano al meglio gli errori dei poco rodati palermitani che, complice l’infortunio prima del Qb titolare #18 Abbadessa e subito dopo del Qb backup all’esordio #16 Di Maggio, non riescono ad essere incisivi nel quarto quarto.

Un pubblico così a Palermo non si vedeva da parecchi anni, forse dagli ultimi derby infuocati tra Sharks e Cardinals al Velodromo Borsellino. L’effetto rosanero infatti, oltre riunire tutti gli appassionati di football cittadino, trascina al campo sportivo di Tommaso Natale, tantissimi curiosi attratti da questa nuova realtà.

snap_Eag

Le due realtà siciliane in campo danno vita a un buon mix tra veterani che hanno giocato ad alto livello negli ultimi anni calcando i campi della Seconda Divisione e giovani di talento. Due team che sulla carta potrebbero ben figurare anche in seconda divisione ma che sicuramente proveranno ad esserlo in questa stagione.

La gara parte subito con le difese di entrambe le squadre capaci di fermare più volte gli attacchi dei rispettivi avversari che porta alla fine del primo quarto sul punteggio di 0 a 0.

Alla ripresa del secondo quarto, il quarterback palermitano #18 Abbadessa prima serve #11 Randisi che riceve con una mano per 27 yards, poi viene intercettato dal #23 Milioti che da palla a Catania da una buona posizione. Grazie all’inossidabile #37 Lombardo, gli Elephants muovono la catena fino ad arrivare a 2 yards dalle end-zone palermitana e grazie ad una corsa del #64 Nicotra si portano in vantaggio. Il punto addizionale calciato da #15 Vendemmia centra i pali e 0-7 per gli Elephants.

L’euforia e la spinta dei tifosi presenti sugli spalti carica i rosanero.
Sul kick-off di Catania #15 Cuvello riceve e si invola per 79 yards portando l’ovale direttamente in end zone e segnando i primi sei punti della stagione in maglia rosanero e della storia della nuova franchigia.
#8 D’Arpa però sbaglia il calcio. 6 – 7 sempre per gli Elephants.

Rush_Graziano

La partita si infiamma, Catania in attacco non riesce ad incidere grazie soprattutto allo splendido lavoro in difesa di #24 Todaro e #10 Maltese e Palermo sul finire del primo tempo prende palla sulle proprie 30 yard. Grazie alle corse del giovanissimo #32 Graziano – classe 2001 – gli Eagles United si portano sulle 25 yard avversarie e a pochi secondi dal termine provano il calcio da tre punti. #8 D’arpa calcia bene, ma la palla sbatte violentemente sul palo ed esce fuori.
Le squadre vanno al riposo sul 6 – 7 per Catania.

Durante l’intervallo il numeroso pubblico viene intrattenuto dallo spettacolo delle cheerleaders dei Jackals Palermo, che esibiscono le tre squadre alternando acrobazie e coreografie che deliziano gli spettatori.

Inizia quindi il secondo tempo. Catania riesce a muovere la catena fino a portarsi a metà campo, ma su un lancio profondo il qb di origine brasiliana #2 Lewis Jr viene intercettato dal neo-entrato #29 Sposito, il pezzo da 90 della difesa palermitana, tenuto in panchina per tutto il primo tempo a scopo precauzionale.

Entry_Eagles

Partita bellissima. #18 Abbadessa chiude un primo down importante ma al contempo subisce una forte botta alla mano destra. Catania, grazie agli interventi di #21 Di Mauro, #57 Privitera e #23 Milioti limita le corse di #1 Bova e i palermitani sono costretti al punt. La difesa palermitana però, continua a limitare l’attacco etneo che dopo 2 primi down ad opera di #37 Lombardo riconsegna l’ovale ai rosanero con un ottimo punt che finisce sulle 7 yard ospiti.

Ad Abbadessa infortunato subentra il giovane quarterback #16 Di Maggio che si ritrova all’esordio a dovere tirar fuori i suoi da una situazione davvero complessa. Dopo 2 tentativi di corsa con poco guadagno, il giovane qb – classe 2002 – rolla dentro la endzone a destra, nel tentativo di liberarsi dalla pressione della linea di difesa e viene placcato. Sack e safety per Catania che si porta sul 6 a 9 a fine terzo quarto.

Oltre il danno, la beffa. Anche #16 Di Maggio esce dal campo infortunato e adesso gli Eagles United schierano il terzo qb, il veterano #7 Sabino Muzio. Gli Eagles non riescono ad essere incisivi in attacco, complice anche i pochissimi snap in allenamento fatti da Muzio.
Ed è proprio su un terzo down che il qb palermitano nel tentativo di cercare un ricevitore profondo viene intercettato dalla difesa etnea.

A questo punto gli Elephants iniziano ad insistere sulle corse per far correre il cronometro. Gli Eagles, complice qualche fallo di troppo non riescono a prendere le misure e #37 Lombardo entra in endzone per la prima volta in questa stagione. 6 – 16 per i catanesi.

A 4 minuti dal termine rientra a denti stretti #18 Abbadessa che impossibilitato a lanciare innesca più volte il #32 Graziano – il migliore tra i suoi – che guadagna 2 primi down consecutivi. A poco più di due minuti dal termine i palermitani provano un calcio da 3 punti con #8 D’Arpa che complice il vento non arriva a destinazione. Punteggio bloccato e partita che volge al termine.

Un match strano, poco spettacolare per quello che è il potenziale delle due squadre, soprattutto appaiono molto timorosi gli Eagles United in attacco. #18 Abbadessa, complice una pressione eccessiva da parte della DL catanese non riesce a innescare la forte batteria di ricevitori palermitani. Dall’altra parte Catania riesce con un gioco basico ed efficace ad essere concreta soprattutto grazie alle corse del suo #37 Lombardo.

Una sconfitta sicuramente amara per i ragazzi di coach Leone, ma anche ampiamente giustificabile viste le poche settimane avute a disposizione dallo staff per imbastire una squadra totalmente nuova. Una vittoria meritata quella degli Elephants Catania che iniziano invece il campionato nel migliore dei modi, in attesa del ritorno dell’11 Aprile in terra etnea.

Ora ci saranno due settimane di allenamenti per la franchigia rosanero in vista del rientro in campo, contro i Sirbons Cagliari, team uscito sconfitto anch’esso dal derby contro i Crusaders Cagliari. La partita si giocherà sempre in casa, a Palermo – Sabato 7 Marzo alle ore 14:00 presso il CUS Universitario e sarà un banco di prova importante per i palermitani che andranno di sicuro a caccia dei primi punti in questo campionato.

Ufficio Stampa Eagles United Palermo

 

foto Maria Cangemi

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO